Lavaggio dei tappeti

Anche con una buona pulizia quotidiana o settimanale, periodicamente si presenta la necessità di pulire il tappeto con un lavaggio a fondo. Pulire un tappeto non significa solo asportarne lo sporco, ma ritemprare le fibre della lana che, essendo un materiale naturale, va incontro ad una naturale ossidazione.
Tra la spesa di un lavaggio professionale e il rischio di rovinare il tappeto non ponetevi dubbi: consegnate il vostro tappeto alla nostra ditta specializzata nel lavaggio e restauro, vi verrà fatto un preventivo per il lavaggio e per eventuali piccole riparazioni. Il risultato sarà garantito.

Ad esempio un tappeto antico va lavato ad acqua, utilizzando detersivi delicati e attrezzi adeguati che permettono una rapida asciugatura. Spesso il tappeto viene posto in apposite camere areate che permettono al vello di recuperare la sua naturale morbidezza.

I tappeti moderni o di seta vanno invece lavati a secco, per rispettare i loro colori naturali, col vantaggio di ottenere un trattamento antitarmico e disinfettante.

Per un miglior risultato al lavaggio viene di solito anteposto un trattamento di “sbattitura”, per togliere la polvere depositata in profondità, con attrezzi professionali molto delicati. Evitate l’uso del vecchio battipanni: provoca danni irreparabili alle fibre della lana.

In linea di massima tenete presente che otterrete un miglior risultato facendo lavare il tappeto quando i colori cominciano ad opacizzare piuttosto che quando è molto sporco, poichè in questo caso si dovrebbe ricorrere ad un lavaggio più aggressivo.

Ogni due anni è l’intervallo consigliato tra un lavaggio e l’altro; più breve se si è in presenza di bimbi piccoli o animali domestici.

untitled